La Pietra di Luna nera

Pietra di Luna nera

Ebbene sì,  hai letto bene: Pietra di Luna nera! Questa pietra bellissima e femminile non esiste solo nel classico colore della Luna piena, ma anche in quello della Luna Oscura!

Caratteristiche:

Silicato di Potassio e Alluminio che cristallizza secondo il sistema monoclino, la Pietra di Luna appartiene alla famiglia degli ortoclasi e oltre che bianca lattiginosa (con tonalità più gialla, rosata o grigia) può presentarsi decisamente nera, con all’interno un tipico “gatteggiamento” sui toni metallici dell’argento o dell’oro che derivano dalla presenza di un 33-35% di albite che, con il lento raffreddamento della gemma, si è mescolata al resto dei componenti chimici in sottili lamelle che catturano la luce. Da un punto di vista gemmologico corrisponde ad una durezza di 6 – 6 1/2.

 
Corrispondenza con i Chakra:

La Pietra di Luna in generale (su cui puoi trovare una scheda completa qui) è collegata al IV Chakra, Anahata o Chakra del Cuore, ma la varietà nera è connessa anche al I Chakra, Muladhara o Chakra della Base, e al VI Chakra, Ajña o Terzo Occhio.

 
Proprietà energetiche:

La Pietra di Luna è in generale una gemma disintossicante e riequilibrante, essenzialmente femminile e in sintonia con il corpo della donna soprattutto per quanto riguarda il sistema riproduttivo e la sua ciclicità, ed è anche una pietra altamente spirituale.

Per quanto concerne la ciclicità femminile, la Pietra di Luna in genere è legata all’intero ciclo riproduttivo (aumenta la fertilità, rimuove blocchi della sessualità, favorisce la disintossicazione durante la gravidanza, agevola l’allattamento, allevia i disturbi delle mestruazioni e della menopausa) e a tutte le ghiandole responsabili degli ormoni femminili.

Nella versione nera, però, non solo riequilibra le disfunzioni ormonali, ma è particolarmente indicata per regolare gli sbalzi umorali della sindrome premestruale o del periodo della gravidanza.
È infatti una pietra molto dolce, che mitiga gli alti e bassi che possono essere causati dagli ormoni femminili in momenti specifici del ciclo mestruale o in situazioni particolari del ciclo riproduttivo, ossia soprattutto nel periodo della pubertà e del menarca, di un’eventuale gravidanza e poi della pre-menopausa e menopausa, ossia quando il corpo deve affrontare i cambiamenti più grandi nella sua ciclicità.

Da un punto di vista emotivo, quindi, tende a infondere armonia ed equilibrio, e per questo dovrebbe essere indossata a contatto con la pelle, e ha spesso un effetto calmante e rasserenante nei confronti di chi si sente sopraffatto dalla vita e ha bisogno di ritrovare un senso di speranza.

 
Caratteristiche Magiche:

Per quanto riguarda gli usi magici della Pietra di Luna nera, questa è legata agli influssi della Luna Oscura, nera appunto, e la luce che contiene al suo interno è vista come il primo bagliore della Luna Nuova.
Per questa connessione, è considerata una delle pietre più adatte che possano aiutarci a dar vita a cose nuove o a innescare un cambiamento, in noi stesse e noi stessi o nell’ambiente che ci circonda.

L’energia della Pietra di Luna in genere è considerata ricettiva; questa gemma è ovviamente legata alla Luna, all’elemento Acqua e, come Divinità, a Diana, Selene, Iside e tutte le Divinità lunari. In questo la varietà nera non differisce dalle altre.

 
Usi in Magia:

La connessione di questa gemma con la Luna è tale che molte e molti la usano solo in concomitanza delle fasi più vicine alla Luna Oscura, ma questo è in realtà estremamente riduttivo.

Questa gemma, come dicevo all’inizio, ha la particolarità di essere connessa sia al I sia al VI Chakra, il che è una combinazione piuttosto insolita. Ciò fa sì che, mentre da un lato incrementa i poteri mentali, la chiaroveggenza/udienza e soprattutto l’intuito e la nostra capacità di fidarci e affidarci a esso, dall’altra ci mantiene anche con i piedi ben connessi a terra, in un mix particolare ma a mio avviso molto sano!

Infine, una delle maggiori particolarità di questa bellissima pietra è il fatto che agisca sulle nostre percezioni “sottili”, come una sorta di sintonizzatore! Tutte le persone particolarmente empatiche o sensibili alle energie farebbero bene a portarne sempre una in tasca, perché consente di focalizzare le nostre capacità e la nostra attenzione su una sola persona, escludendo tutto il “chiacchiericcio” energetico di sottofondo che talvolta può essere davvero eccessivo e travolgerci. Riesce a incanalare le nostre percezioni verso un unico obiettivo senza che si disperdano o vengano distratte inutilmente.

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.